MÈTIS

Areté

Nel 2012 avviene la rivoluzione. Grazie al ricambio generazionale del team nasce Areté la prima imbarcazione in fibra di lino ottenuta mediante l’infusione. La scelta del lino è frutto di mesi di ricerca per capire quale materiale bio garantiva le proprietà meccaniche comparabili a quelle del vetro a parità di grammatura. Dopo numerosi test su diversi tipi di fibre tra cui la canapa il team ha optato per il lino e ha preso contatti con l’azienda francese Ecotechnilin.

Sia Aretè che la successiva Atè presentano uno scafo a ‘sandwich’, ossia costituito da pelli di lino fra le quali è posto un core in balsa preventivamente impermeabilizzata per ridurne l’assorbimento della resina. Da lì è iniziato un lungo periodo di prove per sfruttare al massimo le proprietà meccaniche del materiale mantenendo la componente bio dello scafo al 70%.

Tutto ciò ha portato il team ad essere il primo, e tutt’ora unico tra i partecipanti alla competizione a produrre un’imbarcazione con il processo dell’infusione, meglio conosciuta in ambito ingegneristico come RTM-VA (Resin Transfer Molding – Vaacum Assisted).