Monthly Archives: ottobre 2010

  • 0
Padova vince al 1001vela edizione 2010

1001Vela, Padova conquista l’ambito trofeo

Alla sua terza partecipazione l’Università di Padova si aggiudica con lo skiff Aura il trofeo 1001Vela per l’Università. L’acrobatica imbarcazione a vela, condotta da Silvia Zennaro al timone e Giacomo Pellicioli a prua, riesce finalmente a rompere il predominio del Politecnico di Milano che si era aggiudicato tutte le precedenti edizioni.

Le regate, disputate nelle acque antistanti al Lido di Giannella (GR) dal 15 al 17 ottobre, sono state condizionate da una situazione meteorologica instabile, caratterizzata da vento molto variabile. In tutto, sono state portate a termine quattro prove in tre giorni di regata.

Al termine del primo giorno, la classifica vedeva gli Atenei di Milano, Padova e Palermo avvicendarsi nelle prime posizioni con ben cinque imbarcazioni e uno scarto di pochi punti.

Nel secondo giorno di regata, l’imbarcazione patavina, dopo una regata combattutissima e una spettacolare rimonta, ha ottenuto una vittoria che le ha consentito di agguantare il primo posto in classifica generale.

Le condizione meteo avverse non hanno invece consentito di regatare nella giornata conclusiva così, dopo una lunga e sfiancante attesa, la squadra dell’Università di Padova si è laureata campione 1001Vela 2010.

La quarta edizione di 1001Vela per l’Università ha visto la partecipazione di 9 Atenei italiani per un totale di 13 imbarcazioni, 120 studenti e 30 professori. Le regate sono state organizzate anche per questa edizione dallo Yacht Club Porto Santo Stefano con il supporto del C.V.C. Porto Santo Stefano. Il segreto del successo del team Project R3, al di là della bravura dell’equipaggio che in acqua ha saputo battere velisti di alto livello, risiede in quelle caratteristiche che ormai rendono unici i membri – studenti, professori e collaboratori esterni – di cui è composto: spirito di gruppo, sacrificio per il bene comune, culto dei valori dell’amicizia, della lealtà e della sportività e, in definitiva, capacità di saper reagire di fronte alle tante difficoltà, personali e non, incontrate in questi tre lunghi anni di impegno e fatica, hanno rappresentato la vera conquista di chi ha condiviso questa avventura.